Recensioni

Tunze Coral Gum

Introduzione

Vi è mai capitato di incollare la talea di un corallo ad una basetta o ad una roccia e ritrovarla qualche ora dopo divelta, magari appoggiata sul fondo della vasca o peggio ancora incollata saldamente in una posizione differente rispetto a quella prescelta?

Se state leggendo questo articolo e siete acquariofili marini quasi certamente la risposta sarà si!

Vuoi la corrente generata dalle pompe di movimento o di risalita, o qualche pesce/riccio in vena di modifiche al vostro layout, prima o poi capita a tutti di trovare un corallo appena incollato in una posizione “non gradita”.

Superata la voglia di lasciarsi andare all’istinto primordiale della coprolalia, la prima cosa da fare è probabilmente puntare il dito sull’adesivo utilizzato.

Per quanto resistenti siano i coralli, è impensabile tenerli fuori dall’acqua il tempo necessario alla completa essiccazione del collante. Si rende perciò indispensabile utilizzare un prodotto specifico per acquariofilia che completi il suo ciclo di maturazione anche se immerso in acqua, ma che riduca al minimo il tempo di asciugatura e garantisca al contempo un’adeguata resistenza (leggi qui la mia guida alla creazione delle basette per coralli).

CoralGum

Dopo aver sperimentato con scarso profitto innumerevoli prodotti in commercio alla ricerca del giusto compromesso, ho deciso di provare la Coral Gum di Tunze (che puoi acquistare qui).

Confezione Tunze Coral Gum instant

Iniziamo col dire che si tratta è una colla a due componenti prodotta dalla tedesca Tunze specifica per l’incollaggio di talee di coralli su pietre o basette.

La prima caratteristica che ogni buon collante ad uso acquariofilo non deve tradire è la completa assenza di spargimenti di sostanze dannose o residui in acqua. La Coral Gum è senza dubbio ineccepibile sotto tale profilo, e questa caratteristica è apprezzabile anche ad occhio nudo, dal momento che una volta immersa in acqua non rilascia alcuna nebbiolina biancastra (tipica della maggior parte di prodotti bicomponente analoghi reperibili in commercio).

Flaconcino Tunze Coral Gum

Utilizzare il prodotto

La confezione da 120 gr si compone di un pratico tubetto suddiviso in due flaconcini sovrapposti, contenenti i due componenti da amalgamare in parti uguali.

I tempi di lavorazione sono molto ristretti, circa 20 secondi per l’amalgamazione dei componenti e 1 minuto per l’essiccazione.

La facilità di unione dei due composti è sorprendente e, a differenza di altri prodotti molto conosciuti e impiegati in campo acquariofilo, la consistenza morbida, gelatinosa e leggermente appiccicosa della colla Tunze agevolerà un’istantanea mescolanza.

Talea di Caulastraea appena incollata su una basetta con la Coral Gum di Tunze

E’ utilizzabile sia in acquari marini sia in acquari d’acqua dolce, e la sua formulazione lo rende completamente inodore. Ma un’altra caratteristica degna di menzione è la completa invisibilità allo , che non sarà interessato da alcun fenomeno di inibizione rilevante, anche se utilizzata in quantitativi apprezzabili.

A mio avviso probabilmente il miglior adesivo per coralli in commercio!

Qualità
Rapporto Qualità/Prezzo
Facilità di utilizzo
Reperibilità
Media

Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
RSS
Tags
Mostra altro

Luca Langiu

Ho conseguito una laurea in Scienze Politiche, ma ho intrapreso la carriera di imprenditore. Le mie più grandi passioni sono l'acquariofilia, la tecnologia e la musica. Adoro scoprire le meraviglie dei reef e vivo in Sardegna, un paradiso dal quale non potrei mai separarmi. Il mio desiderio è sempre stato quello di curare un blog sull'acquariofilia marina, perché ritengo che la condivisione di conoscenze e informazioni sia la base della nostra passione. Forte della mia conoscenza tecnica e pratica, unita agli studi e agli approfondimenti teorici, ho deciso di guidare il lettore in un’esperienza formativa alternativa, autentica e personale, che getta le basi sul crono-racconto della mia quotidianità “acquariofila”. La sensibilizzazione del lettore a tematiche relative alla tutela dell’ambiente marino-costiero, alle fonti di inquinamento marino, alla sostenibilità ambientale, al capitale naturale e al rispetto per gli animali, è stuzzicata e sollecitata costantemente in ogni mia trattazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Close
Close