Zanclus cornutus

Zanclus cornutus

21 Luglio 2019 0 Di Luca Langiu

Classificazione scientifica

Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Osteichthyes
Superordine Acanthopterygii
Ordine Perciformes
Famiglia Zanclidae
Genere Zanclus
Specie Z. cornutus
Nomenclatura binomiale Zanclus cornutus (Linnaeus, 1758)

Areale biogeografico

Areale biogeografico Zanclus cornutus

Areale biogeografico Zanclus cornutus

Introduzione

La famiglia degli Zanclidi conta un’unica specie, lo Zanclus cornutus, conosciuto in tutto il mondo con il nome comune di idolo moresco o zanclo cornuto (nome dovuto alla forma della testa, simile ad alcuni totem di popolazioni africane). Di recente riclassificazione, fino a poco tempo fa erano classificate due specie: lo Zanclus cornutus e lo Zanclus canescens. Recenti ed approfonditi studi hanno appurato che si tratta di un’unica specie, appunto lo Zanclus cornutus.

Caratteristiche fisiche

Anatomicamente questi pesci sono simili agli scalari, ma il muso è allungato, l’occhio è sporgente e provvisto di spina, e la pinna dorsale negli esemplari adulti si allunga fino a misurare oltre 50 cm. Il corpo è alto e compresso ai lati. Pinna dorsale ed anale sono allungate e terminano sul peduncolo caudale. Le pinne ventrali sono appuntite, le pettorali alte e ovaloidi. La coda è corta e forcuta. La livrea comprende quattro fasce (nera-bianca-gialla-nera) che si susseguono verticalmente, con muso screziato degli stessi colori e coda nera. La lunga pinna dorsale è bianca.

Habitat naturale

E’ presente nell’Oceano Indiano e nell’Oceano Pacifico: Somalia, Madagascar, Isole Seychelles, Isole Mauritius, Isole Maldive, Isole Andamane, Sumatra, Giava, Bali, Borneo, Giappone, Taiwan, Vietnam, Filippine, Nuova Guinea, Grande Barriera Corallina, Nuova Caledonia, Isole Vanuatu, Isole Fiji, Isole Samoa, Isole Hawaii, Isole Galapagos, California, Messico, Equador. L’habitat prevalente della specie è la barriera corallina.

Zanclus cornutus

Zanclus cornutus

Vita in acquario

Pesce molto pacifico ma altrettanto delicato e sensibile ai valori dell’acquario e soggetto alle malattie. Preferisce che all’interno dell’acquario ci sia un forte flusso d’acqua, meglio se alternato ed intermittente, ottenuto con l’uso delle apposite pompe di movimento. Per il suo ottimale mantenimento in acquario sono necessarie grosse vasche con acqua di ottima qualità, ben filtrata ed ossigenata.

Compatibilità

Considerando il suo modo di alimentarsi, soffre molto della presenza di pesci veloci nel mangiare. In definitiva è un grosso pesce molto adatto ad un grosso acquario di invertebrati, arredato con molte rocce vive ed invertebrati sessili ma anche con un grande spazio per nuotare. E’ assolutamente consigliato solo per acquariofili esperti e pazienti.

Alimentazione

In natura si nutre delle alghe e dei piccoli invertebrati che trova sulle madrepore. In acquario, dopo una lunga ed attenta ambientazione che è meglio affidare ad un esperto, deve essere alimentato con mangime surgelato, artemie saline, chironomus, mysis, gamberetti e polpa di cozze tritata. Non bisogna fargli mancare un mangime vegetale come le apposite sfoglie di alghe liofilizzate o mangime secco vegetale in fiocchi o in granuli. E’ consigliabile somministrare il cibo più volte al giorno.

Dimensione

In natura raggiunge una lunghezza massima di 23 cm, mentre in acquario circa 8/12 cm.

Longevità
Facilità di allevamento
Compatibilità
Riproduzione in acquario
Reperibilità
Reperibilità
Media