Acanthurus achilles

Acanthurus achilles

30 Giugno 2019 0 Di Luca Langiu

Classificazione scientifica

Regno: Animalia
Phylum: Chordata
Classe: Actinopterigi
Ordine: Perciformes
Famiglia: Acanthuridae
Genere: Acanthurus
Specie: Acanthurus achilles (Shaw, 1803)
Nome scientifico:  Acanthurus achilles
Nome comune: Pesce chirurgo arancione, Pesce chirurgo achille

Areale biogeografico

Areale biogeografico Acanthurus achilles

Areale biogeografico Acanthurus achilles

Introduzione

Splendido Perciforme appartenente alla famiglia degli Acanthuridae, proveniente dell’Oceano Pacifico orientale: Papua Nuova Guinea, Grande Barriera Corallina orientale, Isole Salomone, Isole Fiji e Samoa, Isole Hawaii. Pesce di media dimensione, robusto e pacifico, adatto ad un acquario di comunità anche in presenza di invertebrati. Non tollera, invece, la convivenza con esemplari di Acanthurus Glaucopareius o di Acanthurus Japonicus.

Caratteristiche fisiche

Il colore è marrone scurissimo, quasi nero. Possiede due lamelle poste sul peduncolo caudale, con le quali si difende in caso di attacchi, ma sovente le usa pure per intimidire e costringere alla fuga altri Acanturidi ed impossessarsi dei loro territori per alimentarsi.
La vistosa “goccia” arancione che lo contraddistingue è un segnale della sua proverbiale aggressività. Infatti, più la colorazione è accesa nella parte del corpo dove sono poste le lamelle e più la specie è considerata dominante. Acanthurus achilles presenta le caratteristiche tipiche degli acanturidi: una piccola bocca con denti disposti a pettine, che gli consentono di assumere e triturare grosse quantità di alghe, il corpo ovalizzato e lateralmente compresso.

I giovani Acanturidi di questa specie si riconoscono dalla mancanza della macchia arancione sul peduncolo caudale che compare quando la specie misura all’incirca sei centimetri. La dieta è costituita per la quasi totalità da alghe. La riproduzione avviene mediante l’espulsione delle uova che rilascia salendo velocemente verso la superficie. Le larve sono trasportate dalla corrente e si sviluppano in modo indipendentemente. Acanthurus achilles è importato quasi esclusivamente dalle Hawaii dove viene utilizzato dagli abitanti come cibo. Inoltre, le lamelle caudali, vengono usate per costruire ami da pesca.

Habitat naturale

E’ diffuso nell’Oceano Pacifico nelle isole Caroline occidentali e nello stretto di Torres fino alle isole Hawaii, Marquesan e Ducie, a sud fino in Nuova Caledonia; in Micronesia nelle isole Mariana e Marshall; nell’Oceano pacifico centrale orientale nelle zone meridionali della Baia della California e lungo le coste del Messico. Vive fino ad una profondità di 10 metri.

Acanthurus achilles

Acanthurus achilles

Di solito viene avvistato in gruppi numerosi, al cui interno possono introdursi anche esemplari di Acanthurus nigricans e viceversa, nella zona del reef esterno.

Vita in acquario

L’Acanthurus achilles è una delle specie più ambite dagli acquariofili. Tuttavia la sua diffusione in acquario è molto limitata. Il motivo principale è da ricondursi alla difficoltà estrema di mantenere in ottima salute e per molto tempo questo pesce in cattività.

Anche nel caso di grosse importazioni, la percentuale che riesce a sopravvivere è minima; una percentuale che sicuramente deve porre il dubbio a tutti gli acquariofili se sia corretta o meno l’importazione. Acanthurus achilles è un acanturide molto sensibile a parassitosi come Cryptocaryon irritans e Oodinium ocellatum.

La specie deve essere ospitata in una vasca in funzione in modo ottimale da almeno due/tre anni. Nonostante questa precauzione la parassitosi compare puntualmente poco dopo l’introduzione in vasca. Certamente l’utilizzo di una lampada UVb oppure l’impiego di Ozono combattono la malattia e, alcune volte, queste tecniche sono in grado di garantire la permanenza in acquario.

Accade pure di frequente che Acanthurus achilles conviva per tutta la sua esistenza con i parassiti e la malattia non arrivi mai ad uno stadio preoccupante da richiedere una cura. Acanthurus achilles Anche se Acanthurus achilles non raggiunge proporzioni ragguardevoli in acquario, e può essere mantenuto in vasche di 300 litri, consiglio di assicurare alla specie acquari con capienza di almeno 600 litri.

Compatibilità

Può convivere con altre specie di Acanturidi, ma l’acquariofilo deve prevedere la possibilità che da un giorno all’altro gli esemplari comincino a litigare. Quindi, si deve attrezzare di una vasca alternativa e pure di un acquario di quarantena dove eventualmente curare la specie in caso di necessità.

Riproduzione

La riproduzione avviene mediante l’espulsione delle uova che rilascia salendo velocemente verso la superficie. Le larve sono trasportate dalla corrente e si sviluppano in modo indipendente.

Alimentazione

E’ un pesce alghivoro, tuttavia l’integrazione della dieta con cibo di origine animale è necessaria. Acanthurus achilles è una specie che deve essere allevata solo da acquariofili esperti.

Dimensione

La specie raggiunge in natura i 24 cm di lunghezza, mentre in acquario raramente supera i 10 cm.

Longevità
Facilità di allevamento
Compatibilità
Riproduzione in acquario
Reperibilità
Media